Miscellanea

Il Centro indica ai consulenti Bach nel suo registro quale marca di rimedio dovrebbero usare?

No. Il codice di condotta non menziona i marchi e i BFRP sono completamente liberi di scegliere quale utilizzare, o possono effettivamente creare i propri rimedi se lo desiderano.

Perché le bottiglie di fiori di Bach hanno una data sopra? Dovrebbero essere eliminati dopo questa data?

Per legge, i rimedi commercializzati devono riportare una data di scadenza. Il periodo di tempo è stabilito dal produttore e si riferisce alla durata di conservazione del brandy conservato in una bottiglia con tappo di gomma.

I rimedi stessi manterranno le loro proprietà a tempo indeterminato (sebbene il brandy possa iniziare ad avere un sapore un po ‘strano dopo la data sulla bottiglia).

Quali sono il metodo del sole e il metodo di ebollizione?

Con il metodo del sole un produttore di rimedi fa galleggiare i fiori in una ciotola di vetro trasparente riempita con acqua di sorgente naturale. Questo viene lasciato alla luce del sole per tre ore. Quindi i fiori vengono rimossi e l’acqua energizzata viene mescolata metà e metà con il brandy.

Il metodo di bollitura prevede di mettere i ramoscelli fioriti in una pentola di acqua di sorgente e farli bollire per mezz’ora. La pentola viene quindi lasciata raffreddare, la materia vegetale rimossa e di nuovo l’acqua viene mescolata metà e metà con il brandy.

In entrambi i casi la miscela risultante è nota come tintura madre. Questo viene diluito in ragione di due gocce per 30 ml di brandy per realizzare le bottiglie di scorta vendute nei negozi.

Come si arriva al Bach Centre?

Vedere in fondo alla pagina per informazioni sulla posizione del Bach Centre, e visitare la nostra guida per i visitatori.

Qual è la differenza tra l’edizione del 1936 di “The Twelve Healers” e le edizioni più recenti?

Da quando il dottor Bach lo scrisse, The Twelve Healers and Other Remedies è sempre stato il libro più importante sui rimedi. Al Bach Centre lo abbiamo sempre visto come un testo di lavoro – non un documento storico, ma un manuale che tutti possono usare. Anche adesso, torniamo sempre alle descrizioni dei rimedi in The Twelve Healers. Ogni volta che lo facciamo, otteniamo nuove informazioni sul sistema.

Come testo di lavoro, The Twelve Healers è stato aggiunto e modificato nel corso degli anni per cercare di soddisfare le nuove esigenze man mano che si presentano. Questo è esattamente ciò che fece il dottor Bach durante la sua vita – in effetti, i primi cambiamenti dopo il 1936 furono dettati dal dottor Bach poco prima della sua morte. Confrontando la nostra edizione in facsimile del 1936 online e l’edizione ebook del Bach Centre del 2009, ad esempio, le principali differenze sono:

  • La versione del 2010 contiene l’introduzione più lunga dettata dal dottor Bach alla fine di ottobre 1936 – dopo che l’edizione del 1936 era stata pubblicata.
  • Una riga della descrizione Rock Rose che si riferisce ad esso come “il rimedio di salvataggio” è sparita, per evitare di confonderla con il noto marchio del mix di emergenza.
  • L’elenco dei chimici che forniscono rimedi è andato. Il numero di negozi che forniscono rimedi è aumentato oltre la possibilità di elencarli in un libro di queste dimensioni. (Anche i prezzi sono inevitabilmente aumentati.)
  • Le istruzioni sul dosaggio sono state riscritte. Ora menzionano come scegliere i rimedi e il loro uso con animali e piante, spiegano come usare la miscela e la crema di crisi e danno un resoconto più chiaro della dose giornaliera minima.
  • Le istruzioni del 1936 su come porre rimedi sono state rimosse. Il dottor Bach ha rivolto questa parte del libro a persone che stavano preparando rimedi per uso personale. Per semplificare la descrizione ha tralasciato una delle fasi di diluizione che ha seguito durante la preparazione dei rimedi per le farmacie – e in pratica la maggior parte delle persone ha faticato a identificare le piante che dovevano usare solo dai nomi latini. Per fornire un aiuto pratico e coerente ai produttori di rimedi, Nora Weeks e Victor Bullen hanno invece scritto il libro Illustrations and Preparations, che include descrizioni complete e foto delle piante corrette.
  • Alcuni dei nomi latini delle piante sono cambiati. Sono le stesse piante! – ma le edizioni successive riflettono i cambiamenti nelle regole internazionali di nomenclatura botanica.

E a rischio di aggiungere confusione! – l’edizione del 1941 è in realtà la principale da ottenere. Contiene tutto il testo dell’edizione del 1936, l’ultima preparata personalmente per la stampa dal dottor Bach, più l’introduzione più lunga che dettò alla fine della sua vita e chiese a Nora Weeks di includere nella prossima edizione.

Ho letto da qualche parte che il sistema del dottor Bach è approvato dall’Organizzazione mondiale della sanità. È vero?

Questa idea sembra provenire da un rapporto dell’OMS che menzionava i rimedi di Bach, insieme ad altre forme di medicina complementare, come esempi del tipo di tecniche complementari che venivano utilizzate in tutto il mondo.

Sembra che qualcuno abbia interpretato erroneamente questo riferimento di passaggio come una dichiarazione ufficiale di approvazione. Questa convinzione errata finì per essere messa in un libro. Da lì, altri autori hanno citato la stessa affermazione al punto in cui l’idea è abbastanza diffusa, in particolare nei paesi di lingua spagnola.

Per quanto ne sappiamo non c’è verità in questa affermazione. L’Organizzazione mondiale della sanità non approva né autorizza alcun trattamento, quindi la domanda non dovrebbe nemmeno sorgere.

Chi possiede il Bach Centre

La casa e il giardino a Mount Vernon sono di proprietà del Dr Edward Bach Healing Trust, un ente di beneficenza registrato formato nel 1989 per aiutare gli anziani, i poveri e gli ammalati.

Due società, Bach Centre Mount Vernon Ltd. e Bach Visitor and Education Centre Ltd, svolgono le attività quotidiane del Centro, inclusa la supervisione dei programmi educativi e del registro internazionale dei BFRP. Pagano l’affitto all’Healing Trust.

Entrambe le società sono di proprietà della famiglia Ramsell. John Ramsell, scomparso nel 2008, è stato messo in società da Nora Weeks e Victor Bullen negli anni ’70. Sua figlia Judy è attualmente a capo del Centro. Nessun altro ha alcun controllo o proprietà sulle attività del Bach Centre.

Ho letto che Nelsons ha acquistato il Bach Centre. È vero?

No.

Una sentenza emessa alla fine degli anni ’90, dopo un’azione legale promossa dalla Healing Herbs Ltd. contro Nelsons Ltd., includeva l’affermazione errata secondo cui Bach Centre Mount Vernon Ltd. era stata venduta a Nelsons nel 1993. Questo non è vero.

Certamente, una società con un nome simile è stata venduta a Nelsons nel 1993, come parte della vendita dell’attività di produzione di rimedi del Centro. Ma il Bach Centre Mount Vernon Ltd. non è stato venduto e, come il resto del Bach Centre, continua a essere gestito come parte di un’organizzazione indipendente.

Cos’è la Bach Foundation?

Il Bach Centre ha istituito la Bach Foundation (o The Dr Edward Bach Foundation Ltd, per dare il suo nome completo) all’inizio degli anni ’90. Il suo scopo era quello di gestire l’istruzione e l’Albo dei professionisti.

Nel 2007 abbiamo deciso di gestire l’istruzione e il registro insieme ad altri servizi del Bach Centre come il negozio, il centro visitatori e così via. Così abbiamo trasferito le funzioni di The Dr Edward Bach Foundation Ltd a una nuova società chiamata Bach Visitor & Education Centre Ltd.

Usiamo ancora il nome e il logo della “Fondazione Bach” in relazione al nostro programma di registrazione dei professionisti, ma il Registro internazionale e l’approvazione del corso sono gestiti direttamente dal Centro. “Bach Foundation” è un marchio per il registro e non il nome di un’organizzazione separata.